Il portale open data della Provincia di Forlì-Cesena

 

Cosa sono gli "open data"

L'espressione "Open Data" viene usata per indicare dati pubblici in formato aperto (libero) e accessibili a tutti i cittadini, oltre che facilmente riutilizzabili e scambiabili sul web, senza limitazioni di copyright, brevetti o altro. Rendere fruibili e accessibili i dati che riguardano la collettività, in modo che tutti ne possano usufruire, è un'innovazione che coinvolge tutti, poiché consente di ottenere informazioni che di fatto sono già degli utenti, che ne possono disprre in maniera trasparente e diretta.

Lo stesso Codice dell'Amministrazione digitale (CAD), recentemente aggiornato e integrato con il testo del NUOVO CAD, Decreto legislativo n. 235/2010, affronta il tema degli open data e dispone, tra le altre cose, che la responsabilità nell'aggiornare, divulgare e permettere la valorizzazione dei dati pubblici è delle Amministrazioni. In particolare le PA, al fine di valorizzare e rendere fruibili i dati pubblici di cui sono titolari, promuove progetti di elaborazione e diffusione, assicurando la gratuità dell'accesso e la pubblicazione dei dati in formato aperto in modo che possano essere rielaborati da terzi.

Gli Open data rappresentano il motore per l'innovazione, la crescita e la governance anche in ambito Europeo. Questo emerge da una comunicazione, inviata recentemente al Parlamento Europeo, al Consiglio, al Comitato Economico e Sociale Europeo e al Comitato delle Regioni, con la quale la Commissione Europea, nell'ambito delle azioni dell'Agenda Digitale Europea , ha presentato un programma di azioni per il riutilizzo delle informazioni del settore pubblico che dovrebbe dare un contributo consistente all'economia europea. Si tratta di interventi che collocano l'Unione europea all'avanguardia mondiale nel riutilizzo delle informazioni del settore pubblico e che daranno impulso al settore, già in forte crescita, che si occupa della trasformazione di dati grezzi in materiale da cui dipendono centinaia di utilizzatori delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione.

Gli "Open data", per essere tali, devono soddisfare una serie di requisiti:

  • dati completi, disponibili per il cittadino senza restrizioni dal punto di vista di copyright, brevetto ecc.
  • dati primari: debbono essere raccolti alla fonte, in forme non aggregate ne' modificate;
  • dati disponibili in rete in modo tempestivo per preservarne il valore;
  • dati disponibili in formato digitale;
  • dati utilizzabili dal punto di vista tecnico;
  • dati leggibili al computer da chiunque e non vincolati da un particolare software;
  • dati completi: cioe' in grado di essere aggregati o viceversa disaggregati;
  • dati riutilizzabili e redistribuibili per qualsiasi uso;
  • dati sempre aggiornati.

 

Formato dei dati

I dati sono messi a disposizione in formato .CSV (con separatore |), .XLS e .ODS, mentre per i livelli cartografici i dati sono disponibili in formato shape-file di ESRI.